Bruce Springsteen

classic Classic list List threaded Threaded
6 messages Options
Reply | Threaded
Open this post in threaded view
|

Bruce Springsteen

stefanoSTRONG
Administrator
non ci sto capendo molto...
il singolo che sta passando ora di springsteen cos'è, l'inedito di una raccolta?
e poi...
 the promise e darkness on the edge che stanno uscendo ora cosa sono, ristampe rimasterizzate o nuove versioni ri-arrangiate?
Reply | Threaded
Open this post in threaded view
|

Re: Bruce Springsteen

kipudda
Administrator

Mi si chiama in causa, vedo...
Allora... siediti comodo che su Bruce mi piace scrivere :)

Nel 1975, come sai, Born to run fu un successo incredibile. All'epoca il manager di Bruce era Mike Appel, colui che lo aveva scoperto che gli aveva fatto firmare un contratto capestro sul cofano di una Chevy, nel parcheggio di un locale. Il contratto dava a lui tipo l'80% e a Bruce il 20% degli introiti. Dopo il successo di BTR andarono in causa. E la causa finì a fine 77. In questi due anni Bruce era in studio a incidere, ma non poteva pubblicare niente. E l'umore non era dei migliori. Per cui uscirono fuori circa 70 canzoni (70!!!) su temi molto cupi, come il lavoro, la libertà personale, le delusioni, oltre a tutti gli altri. C'era anche The promise, una gemma incredibile che è la metafora della storia con Appel, che se mascherata da storia d'amore.
Quando la causa finì e Bruce vinse, potè pubblicare. Ma mica pubblicò ciò che aveva inciso, prese quelle 70 canzoni e le buttò nel cesso, praticamente, tirandone fuori un altro po'. E venne fuori Darkness on the edge of town. Cupo, suoni scarni, secchi, asciutti. A mio parere un mixaggio di merda soprattutto basso/batteria, ma un disco epico. Che uscì, su volere di Bruce, senza alcuna promozione. Ninente. Apparve sugli scaffali e l'unica promozione fu il darkness tour. Dio, che tour! spettacoli da 3 ore e mezza, a volte 4. Con quel pazzo che dava l'anima e che creò la sua leggenda. Niente fu più come prima, niente fu più come Darkness.
Quelle canzoni rimasero nei cassetti per moltissimo tempo., Giravano sotto forma di bootleg tra i fans, io stesso ne ho un po' in nastro, in Sardegna. Spesso spezzoni, a volte canzoni intere che Bruce regalava ad altri, tipo Patti SMith, o Little steven, o Southside Johnny. Pezzi con i quali quelli hanno scalato le classifiche, vedi Patti Smith... Bruce li scartava, non gli piacevano. E poi c'erano i bootleg dei concerti. Alcuni sono epici, io stesso spendo e spendevo un patrimonio per averli. Capolavori, la band era in forma smagliante, lui era in diavolo con la telecaster.

Oggi, nel trentennale, che poi era due anni fa, esce The promise. Il titolo riprende quella gemma che ti prego, vai su youtube e ascolta, elettrica e poi nella versione piano e voce, e leggi il testo e dimmi se non ti viene voglia di avere un'autostrada sotto il culo e 20 anni...
The promise è il cofanetto che abbiamo aspettato per anni. Se ne parlava nelle varie mailing list da secoli, nessuno ci credeva, oggi è realtà.
C'è il cd rimasterizzato, che ora suona molto meglio, soprattutto basso e batteria. Ora il rullante schioppa, cazzo se schioppa, prima sembrava un secchio di vernice. Vuoto, però.
Poi c'è the promise 1, con un po' di quelle outtakes, tra cui Because the night in studio, che io non avevo mai sentito, racing in the street elettrica, e altre. E poi c'è the promise 2, con altre outakes, Qualcosa è stato risuonato, e ricantato. Il singolo che gira in radio, Save my love for you, per esempio, è stato ricantato, si sente che la voce è quella di oggi. GLi strumenti dicono che siano originali, ma non so. Ce l'avevo quella versione, se sono orgiginali l'hanno ripulita per benino.
E poi, dopo questi tre cd audio, ci sono i dvd.
Tre, anche in questo caso.
In uno c'è il making of, il documentario che è stato presentato al film festival in cui si parla di come l'hanno fatto, il disco. E poi c'è un concerto in cui la band suona in un teatro vuoto tutto l'album dalla A alla Z, nel 2008. Bruce dice che è così che voleva suonassero le canzoni. Be', gli do ragione. La band ha sempre suonato meglio quando erano in presa diretta, come per BTR e the river. Per darkness usarono molte sovraincisioni, e il risultato era un disco che non decollava. Lo faceva dal vivo. Lo fa ancora oggi. In questo secondo dvd ci sono anche spezzoni di concerti del 77/78.
E poi, nel terzo dvd, c'è l'intero concerto di Houston, novembre 78. INTERO!!! Nessuno lo conosceva, non esistevano versioni pirata. Da dove cazzo l'abbiano tirato fuori non si sa, ma deu gratias, l'hanno fatto!

Insomma, se non ce l'hai prendilo! Il packaging è fe no me na le! E' proprio roba da collezionisti, lo capisco, da Brucerincoglioniti come me e altri.

Bello bello bello, amico mio. Bello davvero.
Ho finito, eheheh!
Reply | Threaded
Open this post in threaded view
|

Re: Bruce Springsteen

stefanoSTRONG
Administrator
sì, bello tutto, ma quando te passa a vede' 3 dvd?
Reply | Threaded
Open this post in threaded view
|

Re: Bruce Springsteen

stefanoSTRONG
Administrator
la tua competenza sul boss mi sta spingendo ad approfondire il vecchio bruce, che ho iniziato a seguire solamente dal discreto rising...oggi ho riscoperto the river e mi sembra un gran bel disco... per far luce sull'intera discografia potrebbe essere interessante fare una classifica dei suoi migliori dischi (o classifica o dare un voto).
io per ora ci metto i pochi che ho ascoltato:


born in the u.s.a. (8)
the river (8)
the rising (6)
magic (9)
we shall overcame (8)
working for a dream (7)
Reply | Threaded
Open this post in threaded view
|

Re: Bruce Springsteen

kipudda
Administrator
stefanoSTRONG wrote
la tua competenza sul boss mi sta spingendo ad approfondire il vecchio bruce, che ho iniziato a seguire solamente dal discreto rising...oggi ho riscoperto the river e mi sembra un gran bel disco... per far luce sull'intera discografia potrebbe essere interessante fare una classifica dei suoi migliori dischi (o classifica o dare un voto).
io per ora ci metto i pochi che ho ascoltato:


born in the u.s.a. (8)
the river (8)
the rising (6)
magic (9)
we shall overcame (8)
working for a dream (7)
E dillo che allora mi vuoi uccidere!
Cioè...hai qualcosa tipo 1000 cd in casa e hai iniziato a sentire Bruce da The rising? Parliamo del 2002, fratello... ti mancano le basi!
Il periodo d'oro, per me, di Bruce inizia nel 73 e si conclude nell'82. Con Nebraska. E ti spiego perchè.
Nel 72 esce Greeting from Asbury park, esordio. Buon album, pessima produzione della columbia che ne voleva fare un nuovo Dylan mentre lui era uno con una band di 7 elementi alle spalle, mica cazzabubbole...

Subito dopo arriva The wild, the innocent and the E-street shuffle. Gran disco, flop commerciale, ma che ha all'interno dei capolavori, come incident on 57th street e new york city serenade. Senti gli arrangiamenti e leggi i testi. Aveva 23 anni...

Nel 75 arriva Born to run e subito dopo (78) Darkness. E' l'apoteosi. E' puro rock'n'roll. E infatti esplode alla grande. Per iniziare devi avere questi tre. Ancora prima di the river. Questi tre, ma ti devi sedere e leggerti i testi. Non sono concept album, ma quasi. I personaggi si evolvono e crescono nel disco, anche se le canzoni a volte paiono slegate. I pezzi di apertura e chiusura di Born to run, per esempio, sembrano diversissimi, ma non lo sono. La prima (thunder road) è piena di speranza, l'ultima è ormai disillusa, dove "i poeti non scrivono più niente ma restano lì e lasciano che tutto scorra, feriti, neanche morti, nella giungla d'asfalto".

The river è un gran disco, ha delle cose splendide, dentro, ma lo stesso Bruce faticò a ripetere il livello di darkness, secondo me. Nebraska arrivò subito dopo e a differenza degli altri è un album solo voce e chitarra. Che tipo, l'uomo del jersey, ora che era una rockstar internazionale, decide di pubblicare l'album meno commerciale della storia, che nemmeno johnny cash poteva scrivere storie così crude e violente come la title track o johnny 99...
Born in the usa... Be'... Boh... Non so. Non può non piacere, ma lo ascolto una volta all'anno quando va bene. Sopravvalutato. Produzione super mainstream, batteria pompata, sintetizzatori, un sacco di riverbero... di solito sento solo le versioni live di quel disco. Un'altra cosa, davvero.

Per cui ti dico che cosa secondo me devi ascoltare, in maniera imprescindibile:
Born to run (10)
Darkness (10)
Live 1975-85 (9)
The river (8,5)
The wild the innocent and the E street shuffle (8)
Nebraska (9)
Greetings from asbury park (7,5)
Tunnel of love (7,5)
The ghost of tom joad (8)
Lucky town (7)
Magic (6,5) come hai fatto a dargli 9? mmm... sempre bella la varietà di gusti
human touch (5)

Prendi working on a dream (4) e buttalo

Poi ti passo un qualunque live del 78, e capisci perchè dal vivo quell'uomo è un fenomeno ;)
Reply | Threaded
Open this post in threaded view
|

Re: Bruce Springsteen

kipudda
Administrator
In reply to this post by stefanoSTRONG